IL BEACH VOLLEY

Questa vacanza mi è servita per appurare che il beach-volley è un “fenomeno” sociale. Tutti possono praticarlo, si può giocare in 2 o in 20 ed è un po’ come una recita teatrale: esistono delle parti e possono cambiare gli interpreti. Dopo un mese credo di aver individuato questi “ruoli”:

– Il finto campione; è un aitante giovane che all’inizio intimidisce gli avversari con schiacciate a 300 km/h, ma ben presto ci si rende conto che manca di precisione…l’umiliazione più grande arriva quando i compagni gli intimano di “tirare più piano”.
– la barbie; è una bellissima ragazza ma è agile e reattiva come un bradipo. Si limita a mancare tutte le palle e a battere sempre sulla rete. Nessuno se la sente di redarguirla, lei lo sa e ad ogni errore ride felice.
– il papà; l’ultima partita l’ha giocata nel 1979 (come arbitro) ma si ritiene un grande esperto. Da’ inutili indicazioni tattiche e cerca di spiegare a tutti come colpire bene il pallone. Peccato che dopo cinque minuti esca, stremato, in ginocchio dal campo.
– il piccolo; ha massimo nove anni, alto un metro e tanta voglia di crescere, ma vuole a tutti i costi giocare con “i grandi”, che fanno di tutto per non averlo in squadra.
– il competitivo; per lui ogni partita è l’ultima. Si sente solo lui, ora per incitare il compagno alla battuta, ora per insultare la barbie che manca l’ennesima palla. La sua specialità? Schiacciare addosso al piccolo ed esultare con veemenza.
– il simpaticone; è in campo per divertirsi e si vede. Colpisce la palla di testa, di spalla, di piede, ridendo come un matto. Le sue battute non fanno ridere, a parte quelle dal fondo. Dopo dieci minuti viene seppellito sul campo dai compagni.
– lo svogliato; non vorrebbe giocare, ma siccome “ne manca uno” ne è costretto. Si piazza il più vicino possibile alla barbie, e si limita a rilanciare la palla nel campo avversario con pallonetti assolutamente inoffensivi. Rischia di essere ucciso dal competitivo.
– l’insospettabile; generalmente è un ragazzo/a sovrappeso che prima della partita dichiara di non giocare quasi mai a pallavolo. Tuttavia in campo ci si rende subito conto che farà la differenza: battute perfette, passaggi millimetrici, schiacciate imprendibili.

In quale categoria vi riconoscete? Io forse “competitivo” ma anche “simpaticone”.

Annunci

10 pensieri su “IL BEACH VOLLEY

  1. Ma ciao mad BENTORNATO!!!!!!!!

    Come sono andate queste tue lunghe vacanze? Ci sei mancato!!!

    Un abbraccio…ora leggo e poi torno!

  2. Ciao M@d,
    bentornato tra noi.
    Tutto bene le vacanze? 🙂
    La categoria (tutte molto divertenti 🙂 ) che fa per me, non può che essere quella del papà. L’ultima partita non l’ho giocata nel ’79 ma siamo lì, mi pare. 😀

  3. diciamo che io riassumo il peggio di ognuno dei tipi…forse potrei arbitrare, no aspetta nemmeno quello che non ci vedo bene!

  4. Io mi riconoscerei nel ruolo del simpaticone, perché già a ginnastica quando mi obbligavano a giocare a pallavolo…cercavo sempre di evitare la palla! Avevo una paura che mi arrivava in testa!

    Quindi per evitare di giocare, in campo sparavo sempre le mie “cagate” che non facevano ridere a nessuno, perché loro erano solo concentrati a vincere!

  5. Passi per le competizioni ufficiali (ovvero i tornei indetti dagli stabilimenti), ma quelli che si affannano e si inca**ano per le partite tra amici hanno dei problemi…quindi viva i simpaticoni

  6. Bentornato MR 🙂

    Ottima descrizione dei tipi psicologici da spiaggia!
    Senza ombra di dubbio, io farei il raccatta palle :-)))))))))))))

    Ottimo post di rientro 😉

    Un salutone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...