SOGNI

«Oggi vi dico, amici, non indugiamo nella valle della disperazione, anche di fronte alle difficoltà dell’oggi e di domani, ho ancora un sogno. È un sogno fortemente radicato nel sogno americano. Ho un sogno, che un giorno questa nazione si sollevi e viva pienamente il vero significato del suo credo: Riteniamo queste verità di per se stesse evidenti: che tutti gli uomini sono stati creati uguali. Ho un sogno, che un giorno, sulle rosse colline della Georgia, i figli di ex schiavi e i figli di ex proprietari di schiavi riusciranno a sedersi insieme al tavolo della fratellanza. Ho un sogno, che un giorno persino lo stato del Mississippi, uno stato che soffoca per l’afa dell’ingiustizia, che soffoca per l’afa dell’oppressione, sia trasformato in un’oasi di libertà e di giustizia. Ho un sogno, che i miei quattro bambini un giorno vivranno in una nazione in cui non siano giudicati dal colore della loro pelle, ma dal contenuto del loro carattere. Ho un sogno oggi! Ho un sogno, che un giorno, giù in Alabama, con i suoi razzisti immorali, con il suo governatore le cui labbra gocciolano delle parole “interposizione” e “nullificazione” – un giorno proprio là in Alabama bambini neri e bambine nere possanno prendersi per mano con bambini bianchi e bambine bianche come sorelle e fratelli. Ho un sogno oggi! Ho un sogno, che un giorno ogni valle sia colmata, e ogni monte e colle siano abbassati, i luoghi tortuosi vengano resi piani e i luoghi curvi raddrizzati. Allora la gloria del Signore sarà rivelata ed ogni carne la vedrà.»

Povero Luther, non solo ti hanno vilmente ammazzato, ma gli Stati Uniti si ricordano dei tuoi valori di fratellanza e co. solo quando devono reclutare soldati per bombardare qualche staterello asiatico pieno di petrolio. In quel caso si che non ci sono barriere razziali: tutti al fronte, bianchi neri e gialli, a morire per una bandiera alla quale manca solo il marchio della Coca Cola. Sempre meglio di noi europei, che pur di tenerci buono il vostro presidente abbiamo fatto le peggio porcate. Abbiamo anche cercato di imitarvi, l’Unione Europea, ovvero gli stati uniti d’Europa, peccato che noi italiani non abbiamo niente in comune con i lettoni o i lussemburghesi, ma sono dettagli! A questa gente interessa solo che ci siano terzi mondi da sfruttare, soldi da moltiplicare, masse da imbonire. Anchi’io ho un sogno, caro Luther, che il tuo Dio esista davvero e mandi all’inferno tutti questi bastardi!
Annunci

16 pensieri su “SOGNI

  1. Le parole di Martin Luther King sono insegnate a ogni generazione di studenti, a tutte le latitudini; e ogni stato occidentale gli ha intitolato almeno una via o un monumento.

    George W. Bush farà fatica a non essere confuso col padre… La storia ha la sua Nemesi, il Signore ha le sue risposte. Siamo troppo piccoli per poterne comprendere il disegno.

    Love&Peace.

  2. Il suo era un sogno… noi lo condividiamo… ma rimarrà purtroppo tale… almeno finchè gli uomini non smetteranno di fingere…

  3. Francesco – Non è che gli uomini fingono…sono passivi!

    Sonia – Concordo

    Viola – Finché seguiremo gli Usa a testa bassa, non c’è dubbio…

  4. ho sempre apprezzato i sognatori, chi ha il coraggio e la forza di condividere questi sogni che spesso sono in realtà delle visioni utopiche che mai si realizzeranno. Perchè poi c’è la realtà… purtroppo!!!! 🙂

  5. con ogni persona maltrattata, con ogni bambino che muore di fame e di sete, con ogni bomba lanciata, con ogni esercito che occupa una terra, muore un pezzo del sogno di Martin, noi abbiamo il dovere di continuare a sognare per lui e di batterci perchè le generazioni future non conoscano il significato della parola “guerra”.
    Un abbraccio “pacifista” 😉

  6. Stefania – Eh già, pensate quante vittime hanno sulla coscienza i potenti…come fanno a guardarsi allo specchio?!?

    Duss – Ci credi che gli sparerei?

  7. Concordo sulla rabbia che prende lo stomaco di fronte alle grandi e piccole porcate del Mondo….posso solo dire quello che disse Gandhi:
    “Occhio per occhi ed il Mondo diventa cieco”

  8. Devo confessare di essere molto incuriosito dal tuo profilo, ed in particolare dalle contraddizioni in esso latenti.
    Trovo accostamenti così stridenti: Lazio,la Cisco, Paolo Di Canio da una parte, Che Guevara e Hip Hop, Guccini ( dunque musica di protesta, e d’ impegno sociale , dall’ altra .
    Entro poi nel Blog e trovo un intero passo in elogio a Martin Luther King.
    Leggo altre pagine e scopro insomma che tu condividi le mie stesse idee ” di sinisra”.
    La domanda è questa: Come si concilia tutto questo con la Lazio, e con i ripetuti saluti romani di Di Canio ? Frequenti lo stadio? E se sì, non vivi con estremo disagio le idee deliranti propagandate dalla curva laziale?
    Insomma come riesci atrovare un compromesso fra tutte queste cose pur essendo di sinistra?

    Ps. per quanto concerne Cannavaro sono perfettamente daccordo con te: buon giocatore, ma non fuoriclasse. E’ bravo solamente a chiudere ed a spazzare palloni in tribuna. Non l’ ho mai visto una sola volta uscire dalla difesa palla al piede ( come invece fanno Nesta e Maldini ) e rilanciare l’ azione offensiva. Per di più dal punto di vista dell’ etica sportiva non ha una buona fedina: a)i giudici si sono dimenticati il Cardioton ai tempi del parma; b) l’anno scorzo ha procurato un grave infortunio ad un avversario c)E’ un mercenario come Capello. Certo anch’ io sono dell’ avviso che anche lui come altri giocatori sono statti truffati da calciopoli, e che pertanto non debbano essere costretti a fare la B. Tuttavia ritengo che uno con le palle, un vero gladiatore, un salvatore della patria ( perchè così i medias ci hanno voluto dipingere Cannavaro ), avrebbe dovuto affrontare con coraggio anche la B. Ed invece via al Real Madrid! Dico questo perchè ritengo che uno dei requisiti non dico essenziali ma sicuramente importanti per il premio dovrebbe essere anche quell di essere una bandiera, di dimostrare attaccamento alla maglia del proprio Club. Lo avrebbero dovuto dare a Buffon, il miglior portiere di tutti i tempi! Punto e basta!
    Ciao
    Paolo da Viareggio.

  9. Dunque Paolo, il tuo commento è di quelli che non si dimenticano! In realtà io non sono né di sinistra né tantomeno di destra. Apprezzo i grandi uomini e cerco di esaltarne gli aspetti positivi. Di Canio (che vedo tutte le domeniche essendo abbonato alla Cisco) è un maledetto quando alza quel braccio destro davanti a una schiera di ragazzini esaltati, incentivando la violenza negli stadi, ma anche un grandissimo giocatore che dà il 200% in campo, anche in serie c2, ed un esempio per professionalità sia in campo che fuori (mai ombre su doping, puttanelle ecc., solo una bella famiglia che lo ha seguito anche all’estero). Credo che per avere un mondo migliore bisogna riconoscere e saper valutare senza preconcetti i meriti delle persone. A mio figlio non direi “segui Di Canio/segui Che Guevara” senza spiegargli PERCHE’, ma gli direi “apprezza la grinta di Di Canio, lotta per i tuoi valori come Che Guevara”. So di apparire contraddittorio, in realtà mi sento orgoglioso di andare aldilà del “fascio” e del “rosso”. In fondo nessuno è perfetto, l’uomo secondo me è una contraddizione vivente, prendi me: mi piacciono Fabri Fibra e il Blues anni ’60, adoro Arancia Meccanica e il wrestling ma detesto la violenza…insomma, non mi fermo all’apparenza. Fabri Fibra ad esempio appare un depravato, in realtà rappresenta fedelmente il mondo dei ragazzi di oggi, e condivido molte cose che dice.

    Su Cannavaro, credo che sia uno dei personaggi montati dalla stampa per creare un simbolo. Dopo il Guerriero Gattuso, er Romano Totti ci voleva per forza un Capitano Indomito. Comunque non penso esistano ancora giocatori “puliti”, forse solo a livello dilettantistico c’è un po più di vero agonsimo (ecco perchè seguo la Cisco).

    Ciao e torna quando vuoi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...