PICCOLI STUPIDI

E’ evidente che sto invecchiando, dato che comincio a fare discorsi del tipo “ai miei tempi…”. Ieri ho notato che tutti i campetti da calcio del quartiere sono desolatamente vuoti. Quando ero piccolo ogni spazio “giocabile” era occupato da decine di bambini urlanti, di palloni e di porte rudimentali, con i pali segnati da quattro felpe o da qualche albero provvidenziale. Invece ora nessuno gioca più a pallone. Anni fa c’erano un sacco di cartoni animati, così tanti che qualsiasi mio coetaneo conosce almeno una cinquantina di sigle di vecchi cartoni: Yattaman, Jeeg Robot, Gigi la Trottola, Lupin, Sugar, Carletto il principe dei mostri, Doraemon, i Looney Tunes…ora invece il vuoto, i cartoni moderni sono solo brutte copie di quelli passati. Resiste solo Dragonball…I ragazzini di oggi vogliono diventare presto grandi, ecco la verità ed ecco perché si vedono sempre più dodici-tredicenni che già girano per le strade vestiti da coattelli e con la sigaretta in bocca, con atteggiamenti sempre più volgari e patetici…Se sentite i loro discorsi vi sbellicate e intristite allo stesso tempo:

– A bello, damme na sigaretta va…porc***!
– Ma che voi, sto fio de na ***!
– E invece quella *** de tu madre, ieri nun m’ha dato er resto quella ***!
– Oooh te devi sta zitto li mortacci ***! Mo te meno oooh, porc***!
– Ma che *** voi mo te rompo er *** come a tu madre sto fio de na ***!
– E invece tu madre quella *** e pure tua sorella quella ***!
– Mia sorella? Oooh, guarda che quella *** di *** di tua sorella e quella *** di una *** di tua madre…

Possono andare avanti anche per dieci fermate, ed il bello e che sono anche amici! Mah…Ai miei tempi non si parlava altro che di calcio, di cartoni, di videogiochi, di stronzate ma comunque eravamo normali per la nostra età. E una sigaretta se la passavano in dieci, questi a tredici anni fumano un pacchetto al giorno! Poi mi fanno ridere perché è come se recitassero…si minacciano senza menarsi, ci provano con le ragazzine insultandole, basta che uno più grande fa la voce grossa e subito diventano agnellini…Bella generazione sta venendo su!

Annunci

42 pensieri su “PICCOLI STUPIDI

  1. Caro M@d Riot. Come sempre io mi devo inchinare per i tuoi discorsi maturi e veritieri. Ciò che dici è la pura realtà del Nostro paese e del disagio giovanile cui loro sono circondati. Questi atteggiamenti e dialoghi sono davvero riprovevoli e qui da noi, a Milano non è diverso.
    Ovviamente io non do la colpa solo ai genitori, che dovrebbero essere le guide di noi figli (all’inizio della nostra vita), bensì al Governo ed alle sue Istituzioni che non sono più in grado di educare questi cretini in fase di crescita. Oramai è il docente che ha paura dello studente e non più viceversa. Ricordo ancora quando il docente ci chiedeva il diario e noi supplicavamo affinché ci perdonasse, ma loro l’89% dei casi, la nota ce la faceva lo stesso. Questa sì che era educazione. Certe volte mi criticano perché quando insegno a nuoto uso troppo il pugno di ferro anche con i bambini, ma ammettiamolo, NON E’ SBAGLIATO. Noi siamo EDUCATORI innanzi tutto.
    Ora la scuola è diventato uno zoo, tanto vale non andarci e rimanere ignoranti. Che ce ne facciamo della cultura se poi i dialoghi si riducono come sopraccitato sul tuo post?
    Saluti a tutti.
    ManMan / RyuKen.

  2. Una sola piccola precisazione, se me la consenti: questa che sta crescendo non la definirei “generazione” bensì BRANCO! Si muovono insieme, si vestono allo stesso modo, fanno le stesse cazzate nostre ma sono così coglioni da farsi sempre sgamare, parlano con sigle (xkè, tvb, tvtb, tvumdb) per sentirsi ancora più al sicuro insomma…
    Sono così “gaggi” che gli rivendono le AllStars ed i RayBan di 20 anni fa e li mettono “fieri” delle novità. Ma per favore!?

    Per il resto ineccepibile e lucidissima sintesi sulle differenze generazionali.
    Posso solo inchinarmi e darti ragione.

  3. E’ il più bel post che hai scritto, forse.
    E se la media era già di alto gradimento, con questo hai sballato 😉
    Ci sarebbe da parlarne per ore, ma non voglio essere noiosa.
    Tu ne hai fatto un’ottima sintesi.
    Un amico ieri ha visto due bambini litigare
    per il possesso di quelle biglie con le foto dei ciclisti dentro.
    Ad un certo punto dopo vari tira e molla uno dei due fa:
    ”se non lasci subito ti mando in nomination”…
    Vabè poi c’è da dire che quando dici che oggi i ragazzi ci provano
    con le ragazzine insultandole, non tieni presente delle stesse
    “ragazzine” di oggi e del modo in cui vestono, parlano, pensano.
    Io sono più scandalizzata e inorridita da loro che non dai “maschietti”.
    E ti dico la verità: oggi come oggi (ma domani ancor di più)
    l’idea di avere un figlio -e ancor più una figlia- mi terrorizza.

  4. Mi hai fatto sorridere, perchè? Semplicemente perchè ho rivisto me quando penso le stesse cose…di molti della tua generazione…però poi ho avuto un brivido: le cose stanno peggiorando in progressione geometrica!
    I tuoi post continuano a farti guadagnare punti 🙂

    Vuoi sapere perchè Dragonball resiste ancora? Perchè in realtà è un vecchio cartone arrivato tardi in Italia, io ho visto metà della prima serie quando facevo la terza media!

  5. Hai completamente ragione Madriot! In tutti i sensi! I bambini non giocano più a pallone! Stanno seduti sul muretto a fare i bulli per crescere in fretta e bruciare le tappe. Non hanno più nemmeno voglia di dare un calcio ad un pallone. Anvhe il parcheggio dove abitavo io una volta era teatro di partitelle all’ ultimo sangue. Ora invece stanno seduti sul motorino a non far niente. Mamma mia ci sono dei bambini che non hano mai fatto ua corsa in vita loro.
    Una volta tutti facevano uno sport ora sono in molti meno a praticarlo. Insisto molto sullo sport perché la ritengo assieme alla scuola un’ elemento basilare per la crescita e nel periodo dell’ infanzia e nel periodo dell’ adolescenza. Per quanto riguarda il linguaggio: nel posto un po’ particolare in cui vivo, non che sia malfamato anzi tutt’ altro, non crdo che la situazione sia peggiorata. Da noi i bambini, tranne me, sono sempre stati sboccati. Poi sai… in Toscana la gente bestemmia parecchio. Io no naturalmente. Forse le bimbe, forse il modo di fare e di parlare delle bimbe da noi è peggiorato tantissimo, e am e da un po’ fasticdio, ma i maschietti da noi sono sempre stati un po’ villani.
    Hai estremamente ragione anche sulla televisione! Non esiste più una Tv nazionale con la storica fascia oraria dalle 15:00 alle 17:00 per i ragazzi. Tutti talkshow per casalinghe rincoglionite in cui è il gossip a farla da padrone. Non so se sei troppo piccolo Gabriele per ricordartelo. Ma ricordi il programma “Solletico” ? Credo fosse su RAIDUE. Quello era un programma intelligente, e tendenzialmente educativo per i bambini. E c’ erano anche i cartoni. L’ hanno dato fino a 7 8 anni fà credo. Ora non c’ è più ora, c’ è solo roba per “adulti” scemi. Vallete tronisti e via discorrendo. Dopo se questi sono i modelli, è chiaro che il bambino di 12 anni vuole vestirsi da bullo trendy come Costantino, invece di dare un calcio alla palla! Non credi?
    Ci vuole lo sport, educazione fisica e socializzazione! Lo sport assieme alla squola è l’ unico modo per insegnare il rispetto degli altri! I babini devono tornare a giocare e a muoversi un po’!
    Diventeranno una generazione di ciccioni o bulli palestrati seguaci di Costantino, negati per qualsiasi attività sportiva. Il discorso è molto complesso caro Gabriele e nonostante questo tu hai saputo fare un quadro generale della situazione in poche battute. Sono daccordo con te.
    Un abbraccio,
    Paolo da Viareggio.

    Ps.: Io sono uno sportivo, tuttavia i fratelli Michelon e Mariotti, come hai potuto sentire li insulto comunque. Spero me lo concderai, è più forte di me.

  6. eheh…solletico!mitico…io lo adoravo….pensare che avevo anche l’orologio di Solletico e i giovani di oggi se non indossano orologi breil o supermarcati non si sentono contenti! fanno tutti parte della solita massa, sono tutti uguali, non ce n’è uno…dico uno…che si eleva sopra gli altri, che e’ diverso.
    La nuova regola e’ “fai, compra e parla come gli altri”… che male c’è? :-S

  7. Ryuken: Hai ragione, il ruolo dell’insegnante si è ridimensionato, ad esempio a noi a scuola ci fanno fare davvero quello che ci pare impunemente…Purtroppo lo stereotipo dell’uomo rozzo e volgare sta prendendo il sopravvento! Un saluto 😉

    Chit: Si, le loro novità sono piuttosto vecchie, senza contare che la dannata musica housw che ascoltano si basa sui remix delle canzoni di 20-30 anni fa…!!! 🙂

    Giulia: Le ragazzine a 13 anni già si vestono da troiette, passami il termine…Ovviamente ciò comporta che vengano trattate per quello che vogliano apparire!

    Baol: Ho amici che ancora vedono Dragonball, e non c’è nulla di male perchè è un bel cartone, forse l’unico vero cartone rimasto! Un saluto 😉

    Magicocentro: Solletico? Altrochè se lo ricordo! C’era una sorta di duello mediatico con Bim Bum Bam…E’ vero, non esistono più programmi per bambini, mandano solo in onda monnezza allo stato puro. Solo su satellite si trova qualcosa di diverso, con i canali della Disney, Cartoon Network etc. Che poi se almeno i ragazzini rinuciassero alla tv per giocare a pallone sarei contentissimo, ma come hai detto tu vederli sul muretto a fumare ed ingrassare come palle non è carino…
    PS: I Michielon non ispirano altro che insulti, con quelle facce da pirati!

    Rosy: Dico sempre che si sentono originali copiando gli altri…Comunque è normale a 13-14 anni essere conformisti, ma il brutto è che vedo adulti che vivono per il superfluo, e i figli ovviamente non possono non farci caso…

  8. Il tuo post sulla generazione che sta venendo su mi vede totalmente d’accordo su tutto.
    Con l’occasione ti faccio anche gli auguri per un felice 19esimo anno!
    Un abbraccio.

  9. Hai colto il problema fondamentale.
    E non mi spingo oltre perché rischio di cadere sul personale
    e di risultare troppo pesante. Comunque sia, un bacio Gabriele

  10. quello che hai scritto e tristemente vero. lo condivido in pieno.è bello vedere che qualcuno ha ancora il coraggio delle idee. personalmente non so più come immaginare un domani che non sia di grandi piccoli ancora più stupidi.buonaserata

  11. a roma è normale che si facciano ‘discorsi’ così grezzi e burini..
    (statement antiromano, I know…ma la mia avversione si è accentuata mercoledì sera)
    e vedere le ragazze burine è ancor più DRAMMATICO (come direbbe il mio prof Pignolo). quelle veramente ti fan cascar le braccia (per non dire ‘le palle’).

    da me ci son delle matricole (femmine) che usano salutarsi alzando il medio.
    bella roba.

    per me le medie sono state un incubo perché la mia scuola era piena di questi deficienti coatti che fanno i grossi e fumano e fanno i cretini e sfottono etc..
    io invece ero la sfigata ancora piccola e insignificante che non usciva mai in corridoio a ricreazione.
    ah, no, cacchio. anche le elementari hanno fatto cagare, perché i compagni già facevano i grossi a quelle età..
    e, non so i tuoi, ma i miei compagni pensavano e parlavano già di sesso e cose correlate con disinvoltura.. -_- (colpa della tv?)
    da me le femmine erano già a parlare di ragazzi (‘ragazzi’???) cosiddetti ‘boni’ e di cose tipo ‘sviluppo’ a 10 anni.
    anche lì ero presa di mira insieme a una mia amica perché ancora, GIUSTAMENTE, avevamo il petto da bambine..
    che dire..saranno stati gli ormoni presenti nella carne, a far quell’effetto a quelle coglione delle mie compagne..-_-

    ora, non so se sono off topic, non so che cacchiate ho detto..mi son lasciata un po’ prendere..
    sorry
    (auguri per i diciannove)

  12. Fra: Grazie 😉

    Giulia: Ok, un bacio 😉

    Davide: Si, come ho già detto non sta venendo su una generazione molto coscienziosa…

    Bloggointestinale (nome geniale 😀 ): Ricordo ancora la sigla…Brutto non sei, oh Gigi…ma bello no…oh Gigi!

    Ludwig: A proposito, mia madre è a Firenze con mia sorella, salutamele se le vedi…Riguardo ciò che hai detto sono concorde, vogliono tutti bruciare le tappe e poi finiscono bruciati…E comunque lo stereotipo del romano coatto, maleducato e rozzo è assolutamente…assolutamente…vero 😦 !!! Ma io no eh, io sono solo coatto!

  13. Tu stai invecchiando…??? o.o O.O

    Bah.

    Il tuo commento ci sta, ma vorrei che si avesse il coraggio delle proprie idee per andare controcorrente e aiutare a migliorare le cose… 😉
    Vero, Nita? 😉

    Un abbraccio cariatide 🙂

  14. Quanto hai ragione Madriot… il momento in cui più me ne accorgo è quando…cosa sempre piu rara… prendo il treno per tornare da milano verso le 13… quando tutti i ragazzini tornano da scuola…e sempre piu si vedono scene che non sopporto, ragazzini che ostentano una orgogliosa arroganza fine a sè stessa e ragazzine che desiderano solo dimostrare di sapersi spingere oltre alle loro coetanee, perchè “amiche” non mi sembrano proprio…coetanee si

  15. Alberto: Si, sto invecchiando, ieri sera mi sono messo a scaricare le vecchie sigle dei cartoni 😯 !!!

    Feowyn: Davvero molto triste…

    Pigmalione: Sono molto ridicoli.

  16. Concordo a pieno con ciò che dici…
    Le generazioni ( o meglio BRANCHI come è stato detto) saranno sempre peggio..
    Basta guardare quelle di oggi… Un’ individuo peggio dell’altro!
    Regnano maleducazione, spavalderia, vigliaccheria, sono pochi quelli che si salvano, ma molto pochi e di solito non resistono per molto massimo 16 e diventeranno come gli altri..
    Bah! Vabbè…
    Saluti
    Elisa

  17. Purtroppo è così Elisa…ieri ho visto per due minuti una specie di reality (quello dei finti contadini, non so come si chiama) dove non hanno fatto altro che insultarsi urlando ad alta voce…questo trasmettono al posto dei cartoni! 😦

  18. Pultroppo io vedo tanti amici di mio fratello 15enni che si annoiano di continuo fanno cose che io facevo a 20 anni han saltato il periodo dove si dovrebbe cazzeggiare giocare divertirsi e prendere in giro le ragazze che ti piacciono ora voglion fare i piccoli uomini vissuti annoiati!! Mi fan tristezza!

  19. Gabriele, fai tanti tanti tanti auguri alla mamma più paziente del mondo!
    Se vuoi andare sul sicuro, per il regalo, potresti togliere almeno un paio
    di poster dalla parete di camera tua e potresti risparmiare un paio di jeans
    dalla tua scrittura creativa. Almeno è qualcosa..Per il resto, alla prossima
    festa della mamma! 😉 Bacio

  20. Carmen: E poi mi chiedo: cosa faranno tra dieci anni 😯 ?!?

    Giulia: La fest… 🙄 …ah era oggi…non lo sapevo 😳 …vabbè che mia madre ora è a Firenze…Comunque i poster non si toccano, a costo di doverli continuamente raccogliere e cambiare lo scotch che inevitabilmente si arrende al caldo 😦

    Lu: Se Recoba avesse segnato da lì, sarei andato fino a San Siro in pellegrinaggio per farmi benedire da San Alvaro detto il Chino…

  21. le genialate gli scappano solo una volta a stagione…e il gol impossibile per quest’anno l’ha già fatto.. sicché non avete di che preoccuparvi.
    c’è ancora un dannato tempo, ma vedo una lazio agguerrita, un portiere brasiliano che si assenta, una difesa che pare un colabrodo…e un argentino ricciuto che gli tocca metterci le pezze.. (anche con la roma gli toccò a lui)..

    ohé! è entrato Luis!

  22. Direi. Perlomeno è confermata la regola che ogni qualvolta Belleri entri sul terreno di gioco la Lazio sia travolta da un’ondata di sfiga…Meno male che l’Empoli ha perso il derby toscano e noi siamo in Champions. Comunque Crespo col Messina ha fatto un gol, con la Roma due, oggi tre…speriamo che nella finale di ritorno arrivi a quattro, e i giallorossi non vincano la coppa Italia, lo dico per voi perchè sono capaci di dire che conta più dello Scudetto!!!

  23. (un po’ mi dispiace per l’empoli..era l’unica squadra toscana decente)

    romanisti del cacchio..
    odiosi! spero che er gabidano imploda!

    la prossima volta che capito a roma, vo a trigoria e je metto ‘na bomba.

    per giovedì la vedo buia.
    avrei anche una conferenza in contemporanea, ma scelgo di non abbandonare la nave che affonda..

    però è stata una gran partita, quella di oggi 🙂

  24. Si, parliamo male della AS Roma… 😈 …Beh, quest’anno ve le hanno suonate quindi cercate di vendicarvi alla grande soffiandogli la coppa…A San Siro basterà uno stadio pieno per fargli tremare le gambe, come all’Old Trafford. Tanto Totti ormai penserà alla pupa appena nata…
    E’ stata davvero una bella partita, se quel cretino di Delio Rossi non avesse tolto Pandev e Rocchi sul più bello magari un punticino potevamo farlo. L’Empoli comunque ha fatto una grandissima stagione, miracolosa 😯 !

  25. Ciao Gabriele! Sono ancora cominciati i pensieririguardo all’ esame di maturità?
    Un abbraccio,
    Paolo da Viareggio.

  26. Davide: Si è aperto un bel dibattito antiromanista, non c’è che dire 🙂 Un saluto

    Magicocentro: L’esame 😯 ? Certo, ho comprato un rosario, forse se mi imparo quello a memoria prendo un miracoloso 60… 😦 Sarà più difficile che fermare i Michielon in contropiede 😉 !

  27. Ma che è sto dibattito anti-romanista!Gabri dobbiamo andare contro le squadre del nord!Pure io vincevo lo scudetto con una rosa come quella dell’inter!!!La roma ha fatto un grande campionato e nei scontri diretti non c’è stata storia!!!Riguardo al post proprio oggi ho sentito davanti alla scuola media nobel un ragazzino a una sua coetanea che diceva”Ahò la voi na gomma?”e lei”no grazie” e lui”e no perchè te puzza l alito de sxxxxa”……a te il commento!Ciao a dopo!

  28. dissento e parlo con cognizione avendo due figli di 18 e 13 anni (veramente ne ho anche una di 25 ma come dite voi è un’altra generazione), vogliamo farla finita di generalizzare, non sono tutti così come li descrivete gli adolescente e i preadolescenti, è vero qualche volta parlano sguaiatamente, ma chi di voi/noi non l’ha mai fatto alzi la mano (ne vedo poche di mani alzate), qualche volta mi apostrofano dicendo: “a ma’ che me fai/me dai questo o quell’altro”, io faccio finta di non sentirli finchè non smettono di troncare le parole, è vero giocano alla play o con quell’altro mostro del nintendo ma qualche volta li scopro intorno ad un tavolo a giocare con il vecchio monopoli (vecchio perchè era mio e dei miei fratelli) oppure con le “magic” , altre volte organizzano partite di calcetto alla piramide o vanno a giocare a basket (il piccolo più a basket, il grande a calcetto).
    MOlte volte loro e i loro amici riescono a farmi spazientire altrettante volte riescono a sorprendermi per una sensibilità che nemmeno loro sapevano di avere.
    Sentono musica per me astrusa ma poi mi chiedono il cd di battisti o di lennon, si vedono vecchi filmacci b-movies e poi mi accompagnano a vedere film “barbosi” e gli piacciono pure, passano per bulli e si commuovono davanti ad un quadro di Chagall…
    contradditori come siamo stati tutti “ai miei tempi” come mi ripetono sempre per prendermi in giro, manco fossi nata sotto l’impero romano….
    per favore li giudicate così pessimisticamente molti di loro sono semplicemente fragili e reagiscono così!

  29. Pedro: Sai come la penso, li annegherei nel cemento fresco…

    Alberto: Capitum 😉

    Zefirina: No, mi spiace ma credo che alla loro età nessuno di noi si comportava così: non eravamo certo piccoli lord (tutt’altro!) ma non arrivavamo a tanto…adesso basta entrare in una scuola per constatare che la maggior parte dei ragazzini/e di oggi sono degni dei film di Tomas Millian… 😦

  30. Triste verità, purtroppo! Ed io ho una paura folle che mio figlio segua le orme dei più grandicelli…già all’asilo dove va lui alcuni bambini parlano come degli scaricatori di porto ed i genitori quando li sentono accennano appena un’espressione di stupore, giusto perchè si rendono conto di essere osservati, altrimenti (forse) non farebbero neanche quello…
    Anche se cerco di educarlo nel miglior modo possibile, credo che l’esempio dei suoi coetanei (e dei loro genitori) demolisca parte del mio lavoro…speriamo bene!
    A presto 😉

  31. ma se uno dei libri che andava per la maggiore quando ero adolescente io era porci con le ali e iniziava con cazzo cazzo cazzo!!!!!! e per l’appunto i film di tomas millian avevano un successo per me incredibile ….

    insisto non sono tutti così

    e pibua tu insisti come facciamo tutti noi, alla fine paga

  32. Pibua: Se avessi un figlio credo che non lo iscriverei a scuola, sul serio!

    Zefirina: Si ma continuo a fare l’esempio del parco giochi: fino a dieci anni fa, il Parco delle Betulle, non lontano da casa mia, alle ore 16 era così pieno di bambini e ragazzini manco fosse Disneyland: ora invece passando alle ore 16 al Parco delle Betulle, c’è il vuoto…I ragazzini li trovi in giro per il quartiere se non al bar, come dei trentenni disoccupati…Beh, qualcosina è cambiato secondo me.

  33. @ Zefirina: tranquilla, io non mollo mai…e quando ci vuole una sculacciata non gliela leva nessuno, va bene parlare con i ragazzi, far capire loro dove sbagliano, avere un dialogo continuo…ma la perseveranza nell’errore richiede anche un po’ di polso…forse è questo che manca a molti adolescenti di oggi: genitori comprensivi, che sappiano ascoltare, ma che non siano “amici”, quello è compito di altre figure. Oggi molti genitori non sanno più dire NO forse per comodità, forse per senso di colpa per il poco tempo che dedicano ai figli, e sono proprio quei no che (oggi me ne rendo conto) che insegnano a vivere, anche se subirli a volte fa male…

    @ Mad riot: io spero che in quel “luogo di perdizione” si impari anche qualcosa di buono… 😉

  34. Ai miei tempi hanno trasmesso per la prima volta dragonball!;D

    comunque è vero… sti piccoli teppistelli sono una cosa incredibile… parlano e non sanno cosa dicono…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...