IPOCRISIA

La morte di Chris Benoit ha avuto grandi ripercussioni nel mondo del wrestling. In Italia, ad esempio, Italia 1 ha deciso di non trasmettere più Smackdown la domenica mattina, per evitare ripercussioni sui più piccoli, che potrebbero pensare, a detta dei dirigenti Mediaset, che i lottatori si comportino sul ring come nella vita reale…E’ una grande ipocrisia, perché il wrestling in America è vietato ai bambini (sui DVD della WWE c’è scritto “14” in rosso per indicare l’età minima degli acquirenti) mentre da noi addirittura è trasmesso alle 10,30…I bambini in realtà non avrebbero MAI dovuto vedere il wrestling, non solo dopo la brutta storia di Benoit! Sulla sua morte non ci sono scusanti e tutto ruota intorno agli steroidi, assunti in dose massicce da Benoit. Probabilmente la malattia del figlio era legata proprio alle droghe assimilate dal padre. Tuttavia dire che i wrestler sono tutti dopati e che il wrestling è un mondo popolato da delinquenti e per questo andrebbe “cancellato”, mi sembra un’assurdità. I wrestler fondamentalmente sono attori milionari, e già sapete che gli attori milionari non sono “santi”: anche gente insospettabile come Mel Gibson ha la fedina penale sporca. Sono tanti i wrestler famosi che hanno fatto una brutta fine: Jake Roberts, Razor Ramon e Lex Luger ad esempio hanno distrutto la loro carriera con droga e alcol. Ma non mi pare che il resto del mondo dello spettacolo sia un’oasi di rettitudine! E a loro viene perdonato tutto…Esistono tanti wrestler che hanno delle famiglie normali e non si dopano, basta guardarli. Il pubblico riconosce i wrestler dopati a volte, e li prende di mira: al pompatissimo Test cantavano “Steroid! Steroid! Steroid!”, a John Cena una cosa che non posso riportare, ma legata al verbo “pompare”…Ma c’è gente come CM Punk (nella foto) che ha un tatuaggio con su scritto “Drug Free” (“Senza Droga”), o altri come Shaw Michaels, Goldberg e Stone Cold che hanno promosso molte inziative a scopo benefico. Il leggendario Andre The Giant, malato di gigantismo, ha investito tutti i suoi averi per occuparsi dei bambini affetti dalla sua patologia. Ted Di Biase, terminata la carriera di lottatore, si è occupato esclusivamente di beneficienza. Insomma, Italia 1 censura il wrestling ma su “Studio Aperto”, ogni giorno, si parla della nuova vita di Lapo Elkann e Calissano…La Rai ha descritto il mondo del wrestling come un inferno, ma attraverso Rai Trade ha promosso il cd della band cui fa parte un certo Scattone. L’assassino di Marta Russo.

Annunci

28 pensieri su “IPOCRISIA

  1. PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO…
    😛

    Forse le ragioni dell’annullamento del Wrestling non sono morali, ma economiche (gli sponsor scappano alla svelta quando succedono queste cose e senza pubblicità le televisioni private non trasmettono neanche la Messa della domenica mattina – ndr).

    Nessuno ha mai detto che sono tutti delinquenti i wresler, ma certi comportamenti è giusto che siano uno stimolo per provare a cambiare le cose, così come accadde anche nel mondo del Calcio quando morì l’espettore Raciti e i campionati si fermarono una settimana.
    Sull’ipocrisia, invece, sono d’accordo con te, ma purtroppo -come scriveva Orwell- “tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri…” 😯

    Un abbraccio takeiteasy 🙂

  2. E’ sicuramente opportuno che non si faccia una continua
    genaralizzazione di una qualunque categoria di persone.
    Certo è, però, che la stessa obbiettività che dovrebbe
    esserci nel giudicare ogni individuo nella sua unicità
    e non come parte di una categoria, dev’esserci nella
    scelta delle pene e delle punizioni da attribuire
    ad ognuno, secondo l’indice di gravità dei fatti commessi.

    Sono stufa delle infinite false attenuanti che si trovano
    per ognuno, in ogni stato di colpevolezza.
    “era incosciente” di qua, “era depresso” di là;
    “aveva problemi in famiglia” di qua, “era emarginato” di là.

    Per quanto una persona qualunque (mettiamo noi inteso come
    “pubblibo” per la maggior parte dei casi “giudicante” – purtroppo)
    potrebbe sentirsi di giustificare parzialmente l’atto spregievole
    di una persona con determinati problemi alla base della
    sua esistenza, la Giustizia, se davvero tale (e oggi come oggi
    ne dubito altamente), non dovrebbe minimamente condizionare
    la pena secondo tali condizioni.
    Malato o non malato, l’atto l’ha compiuto.
    Ed è giusto, direi matematico, che ad ogni atto, corrisponda una pena.
    Perché con questa “scusa delle scuse” oggi,
    essere psicopatici è diventata una moda.

    Ed allora il mondo andrà sempre più verso uno stato senza regole,
    senza leggi, senza punizioni, senza ordine, né giustizia, né buon senso.

    Perché se oggi il ladro può dire “sono affetto da cleptomania”,
    il prete può dire “soffro di depressione”, l’assassino “ho sempre
    avuto problemi psichici dovuti ad un disagio in famiglia e nella società”,
    allora siamo tutti nel giusto, siamo tutti “poverini” e ognuno
    ha il diritto su tutto. E’ un’assurdità. Non può essere così.

    Ci vuole ordine, ci vuole giustizia, ci vuole anche molta austerità.
    Perché questo è l’unico modo per poter garantire ai nostri figli
    un mondo, se non perfetto, almeno migliore.

  3. Io NON sto difendendo Chris Benoit, ma il wrestling! Come ci sono “mele marce” in ogni ambito, ce ne sono anche nel wrestling! Della morte del canadese sembra responsabile il wrestling, da come la mettono i media! In realtà Benoit non era costretto da nessuno ad assumere steroidi. Se lo ha fatto per restare ai vertici…affar suo.
    Comunque dopo la morte di Eddie Guerrero, la WWE ha istituito il “Wellness Program”: chi fa uso di sostanze dopanti viene multato o licenziato. Il più bravo wrestler della WWE, Kurt Angle, è stato licenziato qualche mese fa…

  4. eh come al solito quando capitano queste cose bisogna far finta di essere delle persone sensate che prendono decisioni sensate…sai com’è salvare la faccia è sempre molto importante…

  5. Sono daccordissimo su tutta la linea Mad. E’ un’ ipocrisia da parte di mediaset assumere questo tipo di atteggiamento. La fascia protetta per i bambini andrebbe sempre rispettata, e non perché Benoit ha fatto quello che ha fatto, ma perché certi spettacoli non possono essere recepiti in maodo sano da bambini che non sanno distinguere lo show, (peché di fiction si tratta), dalla realtà.
    Sei sempre molto obiettivo,
    Ciao,
    Paolo da Viareggio.

  6. fanno tutti i perbenisti ….. è la posizione più semplice da prendere !
    certo che in questo caso, la crudeltà della vicenda ha fatto sì che anche la WWE censurasse Benoit e la sua carriera.

    cmq .. resto dell’idea che come dici tu sia solo ipocrisia!

    PS. vieni a VOTARE le foto?

  7. Il wrestling mi è sempre piaciuto, da piccola lo guardavo con mia nonna e lo chiamavamo “IL CATCH”, a commentarlo c’era il mitico Dan Peterson e sul ring Hulk Hogan (adoro!), Andrè The Giant, Tito Santana…
    E non c’è mai stato bisogno di dirmi che quello che vedevo in TV non avrei dovuto farlo hai miei compagni di classe.

    Per quanto riguarda la politica scelta da Italia 1, se è così come dici tu, io non sono d’accordo e poi loro dovrebbero sapere bene che in ogni caso THE SHOW MUST GO ON.

  8. La televisione è maestra di ipocrisia. Io non ho mai guardato il wrestling e “francamente me ne infischio” se non lo trasmettono più. Credo però, che se il fattaccio fosse accaduto nel mondo del calcio, col “cavolo” (per non dire di peggio) che avrebbero sospeso le dirette di coppa…
    tu che dici ?
    😉

  9. è spettacolo soltanto, ora che gli hanno puntato gli occhi contro per questa vicenda, è uno spettacolo che tira meno, per cui lo segano. studio aperto… più che un tg uno spot continuo per alcune persone…

  10. Feowyn: Già, la morte di Chris Benoit è stata una vera festa per gli opinionisti da quattro soldi.

    Paolo: L’ho sempre detto…e non solo, in Italia la maggior parte del merchandising della WWE è rivolto ai bambini: figurine, giocattoli…

    Pideye: Grazie per l’appoggio, rischiavo di cadere 😆

    😦

    Andrea: Secondo me è anche una scusa per non rinnovare l’accordo con la WWE…pare che Smackdown non facesse più grandi ascolti.

    Giulia: 😉

    Dusseldorfer: Ciao 😉

    Iche: Dan Peterson è una leggenda, altro che i commentatori italiani di oggi, che fanno finta di entusiasmarsi! 🙂

    Lucia: Quando un calciatore muore per malattie legate alla droga o all’alcolismo (Signorini e Best ad esempio) viene travolto da un’ondata di compassione che cancella tutte le sue colpe…Chris Benoit invece è diventato subito “Il Male”. Nel calcio ogni settimana ci sono decine di scontri tra i tifosi, con tanti feriti e ogni tanto pure qualche morto, ma le sospensioni durano massimo una settimana, il tempo concesso ai media per lucrare come avvoltoi sulle disgrazie.

    Walter: Studio Aperto e il TG4 sono tra le principali vergogne degli italiani 😉

  11. Ho sempre pensato che il wrestling non fosse una cosa “intelligente”, ma semplicemente un’americanata che serviva solo a rincitrullire un pò di gente, ed infatti puntualmente hanno iniziato a fiorire le magliette dei vari armadi-lottatori televisivi addosso a bambini anche in tenera età in modo che già da piccoli alla televisione si interessino di cose frivole piuttosto che del mondo che gli cambia attorno…
    A mio giudizio togliere questa scenata televisiva in perfetto stile americano dagli schermi televisivi è un grande passo avanti, ma dalle pubblicità che si vedono su Italia1 sembra la sostituiranno con un’altro programma sul basket-spettacolo e le schiacciate a canestro, e già mi immagino che un giorno potrebbero doverla sostituire con un’altra trasmissione ancora perchè troppa gente sui campetti cittadini si sfascia per imitare quelli della tv mentre schiacciano a canestro…ma allora è il genere umano che sta regredendo???

  12. Dissento.

    MAD, il paragone tra un wrestler consapevolmente drogato, esibizionista e assassino versus calciatori (probabilmente) dopati dalle società in cui giocavano ma che non hanno ucciso nessuno NON REGGE.

    Mi sembra l’analogia scherzosa tra chi passa col rosso e chi travolge un pedone sulle strisce pedonali senza fermarsi… 😯

    I wrestler sono individui, protagonisti delle loro gesta e responsabili della loro immagine (ti ricordo che il gesto del tagliagole di Benoit era stato fatto anche dallo studente asiatico che fece la strage nel college pochi mesi fa e che si riprese prima di suicidarsi – ndr). I calciatori, al massimo, alterano un risultato sportivo.

    Un abbraccio siamoseri 🙂

  13. La mia critica al mondo del wrestling non riguarda tanto i protagonisti del wrestling e il loro stile di vita: intendiamoci non posso certo dire di essere un grande fan delle palestre o del culturismo, ma nonostante questo, è una scelta di vita, che ognuno è libero di fare, capisco che a certe persone possa piacere.

    Persino a me appassiona sinceramente vedere un incontro di boxe e le arti marziali per esempio mi affascinano, la verità è che al contrario, trovo il wrestling veramente noioso e sempre uguale a sè stesso.
    Sul fatto poi che una parte dei protagonisti faccia uso di droghe, non mi piace generalizzare, certo la frequenza dei casi mette un po’ di sfiducia, la stessa sfiducia che provo nei confronti del ciclismo o altri sport…Ma hai ragione, questo non giustifica pregiudizi frettolosi…
    Ciao Madriot, a presto!

  14. Me: Infatti il wrestling NON E’ per bambini, però è uno spettacolo che può risultare divertente.

    Alberto: Il calciatore è consapevolissimo di doparsi, leggiti l’autobiografia di Carlo Petrini “Nel fango del dio pallone” e poi ne riparliamo…Comunque tra il calciatore e il wrestler c’è una bella differenza: il primo non lavora, guadagna soldi senza fare assolutamente nulla e fa la bella vita, mentre il wrestler sta fuori casa per la maggior parte della suo tempo, si allena ore ed ore consapevole che una mossa eseguita male può farlo finire sulla sedia a rotelle…A livello di stress emotivo c’è una bella differenza, e lascia stare i wrestler famosi, prendi quelli delle federazioni indipendenti – che in America sono centinaia – che si esibiscono per pochi dollari, giusto per sfamare la famiglia. E’ facile per loro non reggere alla pressione. Un calciatore che si dopa non ha scusanti: è un coglione e basta. Poi il gesto di Benoit…a parte che non l’ha inventato lui, ma le gesta dei calciatori mi sembrano più gravi, perchè se pochi possono prendere sul serio uno che teatralmente minaccia di tagliare una gola, tanti possono pensare che il doping sia necessario per giocare a calcio…

  15. Pigmalione: Si, il wrestling può piacere o no, ma questo non autorizza a parlarne male gratuitamente come fanno in tanti.

  16. Ho letto la risposta, e concordo anch’io sul fatto che originariamente non fosse stato pensato per i bambini, ma dal momento in cui la maggior parte dei telespettatori sono diventati bambini logica avrebbe voluto che per far fronte a questo “errore” la trasmissione fosse stata spostata in altri orari come tra l’altro mi pare fosse trasmessa anni orsono, ma la logica del denaro non è il buon senso!

  17. Quando sento parlare di doping mi viene la pelle d’oca.. Nella mia palestra un paio di persone ci stavano per lasciare la pelle, uno addirittura ha quasi ucciso un padre di famiglia, per litigi condominiali..
    poi magari io sono una che si suggestiona facilmente eh..
    baci

  18. Carissimo M@d Riot, innanzitutto buongiorno e fammi sapere come è andata la maturità.
    Secondo: come al solito ti appoggio in pieno e concordo con ciò che hai scritto. E’ tutta ipocrisia bella e buona. Io direi che è anche ora di togliere dalla circolazione il “Maurizio Costanzo Show”, “Buona Domenica” e tutto ciò che è Maria De Filippi ed i reality show, che fanno più danni loro ai bambini ed ai ragazzi del Wreastiling. Basta con l’ipocrisia.

  19. Me: Sicuramente. Se lo avessero trasmesso alle 23 (l’orario giusto) non se lo sarebbero visto manco gli appassionati…

    Alberto: Ok 🙂

    Kiara: Diventa una malattia, una psicosi, si fa di tutto per pomparsi…finchè non si scoppia 😦 Peggio per loro, sanno a cosa vanno incontro.

    Ryuken: Sabato ho l’orale… 😯 ! Sono d’accordo con te, durante la giornata viene trasmessa una tonnellata di monnezza e nessuno dice niente. Il wrestling probabilmente era lo spettacolo meno volgare cui potessero assistere, il che è tutto dire dato che a Smackdown abbiamo visto Big Show inondato di cacca da Eddie Guerrero tramite un tubo collegato allo scarico dei bagni del palazzetto e recentemente Boogeyman far mangiare dei vermi vivi a The Miz 😆 Ma la De Filippi e Costanzo sono peggio, perchè pretendono di essere presi sul serio!

  20. menomale rimaniamo noi con i nostri blog a fare un pò di’informazione sana….a creare un giro di riflessioni vere su episodi pompati e non dall’informazione ufficiale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...