NO AL DECRETO!

In queste ore si stanno tenendo cortei e sit-in in tutto lo stivale contro la legge 133/2008, ovvero il famigerato Decreto Gelmini. In parole povere, questo decreto prevede anche:

– una riduzione annuale fino al 2013 del Fondo di Finanziamento Ordinario di 467 milioni di euro (taglio del 6%)
– un taglio del 46% sulle spese di funzionamento
– una riduzione del turn /over al 20% per l’Università (cioè: su 5 docenti che vanno in pensione al più 1 nuovo ricercatore potrà essere assunto) nel periodo 2009-2013 (in termini finanziari -64 milioni di euro nel 2009, -190 milioni di euro nel 2010, – 316 milioni di euro nel 2011, – 417 milioni di euro nel 2012, -455 milioni di euro nel 2013)
– un taglio complessivo di quasi 4 miliardi di euro in 5 anni
– l’istituzione di un percorso burocratico che permetta la trasformazione delle Università pubbliche in Istituti privati

Come potete intuire, questo decreto ucciderebbe l’istruzione italiana. L’Italia destina l’1% del prodotto interno lordo all’istruzione (una delle percentuali più basse del mondo) ed un ulteriore taglio è inconcepibile, in questo modo molte facoltà che fanno della ricerca il loro cavallo di battaglia rischiano di subire ripercussioni incalcolabili. Per non parlare della privatizzazione delle Università pubbliche! In questo modo saranno i privati a decidere chi ammettere, cosa studiare e che fine far fare agli studenti. Per loro sarà una pacchia poter disporre liberamente del materiale umano laureato in Italia. Inoltre le tasse universitarie subirebbero un aumento esponenziale, rendendo impossibile l’iscrizione agli studenti meno abbienti.

L’obiettivo di questo decreto-farsa è quello di formare una elìte culturale ristretta, perchè come è facile intuire il sapere è potere e si sono resi conto che c’è troppa gente che sa, in giro. In molti atenei sono in corso le procedure per il blocco dell’anno accademico: io non sono del tutto d’accordo (mi sembra la storia del marito che si evira perchè la moglie lo tradisce…) ma se può essere utile alla causa, ben venga. Qualcuno parla di un nuovo ’68, e a dire il vero le premesse ci sarebbero tutte. Probabilmente si troverà una soluzione all’italiana: un compromesso che farà contenti tutti. Prepariamoci, comunque, all’ingresso in pianta stabile del settore privato nell’istruzione pubblica. A questo punto mi chiedo se sui grembiuli, che vorrebbero ripristinare nelle scuole, ci sarà il marchio dell’Adidas o della Nike…

Annunci

13 pensieri su “NO AL DECRETO!

  1. PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO…
    😛

    Non sono d’accordo.
    Non si sta cercando di uccidere l’Istruzione, ma di riformarla e farla funzionare; a cucciderla ci hanno già pensato quei governi (non voglio dare la colpa a una parte politica piuttosto che a un’altra – ndr) che hanno permesso che le nostre migliori menti andassero a lavorare all’estero perché si preferiva assicurare contratti a tempo indeterminato agli uscieri anziché pagare i ricercatori.
    E potrei farti molti altri esempi. 😯

    Riguardo alla riforma di cui scrivi, ti invito ad andare a leggere i bilanci della tua università: avrai delle sorprese…
    La verità è che vi stanno raccontando tante storie, per strumentalizzare il vostro idealismo.
    Le università rischiano la chiusura non per mancanza di fondi ma per la corruzione interna di docenti che, in certi atenei, vendono esami e lauree senza ritegno.
    Investire nella cultura è giusto, fare che questo possa essere alla portata di tutti è sacrosanto, ma impedire al Papa di esporre le sue idee o boicottare i piani di riforma solo perché contemplano un progetto di riammodernamento delle strutture e una nuova organizzazione logistica è sbagliato.
    Secondo me, ovviamente. 😉

    Pensa con la tua testa e fai paragoni con le realtà degli altri Paesi, questo è il mio consiglio a riguardo. 😛

    Un abbraccio controcorrente 🙂

  2. mmm…io sono pienamente d’accordo con te. Per quanto mi è parso di capire (però non facendo l’università non me ne sono informata molto, lo ammetto), il futuro dei giovani è quasi del tutto bruciato. Non c’è lavoro e adesso stanno anche danneggiandole università. Poi è chiaro che le menti brillanti vanno all’estero. Qui che ci restano a fare?

  3. Non è tagliando i fondi all’istruzione (il problema non riguarda solo l’università) che si risolvono i problemi. Se i fondi sono gestiti male, non ci devono rimettere gli studenti! Bisogna fare interventi mirati, magari chiudendo le facoltà con pochissimi studenti, ma non si possono togliere tutti quei soldi e dequalificare l’istruzione pubblica.

  4. Apprezzo la tua risposta, Mad (finalmente fai onore al tuo nick! 😉 – ndr).
    E capisco la tua posizione.

    Anche io ho dei dubbi sulla traaumaticità del percorso, ma penso anche che chi sta alimentando le vostre (abbastanza legittime) proteste vi stia mentendo. Questa riforma è impopolare, ma va fatta.
    Si è accusato Berlusconi mille volte di demagogia e di cercare il consenso (oppure di farsi leggi ad personam oppure per i suoi amici – ndr), quindi domandiamoci: “cosa guadagnerebbe Berlusconi da questo decreto?” La risposta è semplice: “NIENTE”.
    E allora?

    E allora, semplicemente, sta facendo quello che era necessario fare e che -probabilmente- avrebbe fatto anche Prodi se avesse vinto.
    Questa Università, così com’è, non funziona perché regala lauree e non forma davvero per il mondo del lavoro.

    Ho molti amici laureati (anche con due, tre lauree – ndr) che non hanno un lavoro stabile o sono disperatamente disoccupati, ti sembra giusto?
    Chi dà indietro i soldi ai genitori che hanno mantenuto questi figli fino a 35 anni?

    Personalmente, ho alcuni dubbi sulla tempestività della riforma (troppo traumatica e in un periodo storico parecchio instabile – ndr) non sulla necessità della stessa.

    D’altra parte, ammetto anche che mi piace vedere gli studenti mossi da passione (anche se, secondo me, vi stanno strumentazlizzando – ndr): in fondo, sono un ex-ragazzo dell’85 del Berchet… 😉 —> http://www.liceoberchet.it/storia/liberazione.htm

    Insomma, sono combattuto. 😆

    Un abbraccio impopolare 🙂

  5. Non ci stanno strumentalizzando, sono loro che si mettono in mezzo in realtà. Io personalmente se le tasse aumentassero fino a quasi raddoppiare, probabilmente non potrò più frequentare l’università. Si creerà un sistema elitario, in cui chi se lo potrà permettere andrà a frequentare università di Serie A, e chi no non potrà usufruire del diritto allo studio. Se le lauree ci vengono regalate non è un problema nostro, bensì delle istituzioni che dovrebbero vigilare di più sull’efficienza della struttura universitaria. Non possiamo pagare una cattiva gestione con l’annullamento del servizio!
    Berlusconi comunque ci guadagnerebbe: che differenza c’è ormai tra stato e privato? Monopolizzando il sapere lo stato-privato formerebbe gli studenti come gli pare e piace, ovvero distribuendo posti prestigiosi ai figli dei ricchi e… posti nei call-center ai figli dei poveri.

  6. Sinceramente, la tesi che hai ipotizzato mi sembra abbastanza fuori dalla realtà: Berlusconi ha già più soldi di quanti ne potrebbe spendere se vivesse ancora tre volte e non mi risulta che le tasse universitarie possano raddoppiare. ❗
    E ti assicuro che sono ben informato a riguardo. 😉

    La Gelmini è il primo ministro che sta davvero facendo qualcosa a favore della scuola da molti anni, ma in Italia sembra che chi vuole migliorare le cose faccia paura… 😯

    Un abbraccio spaventoso 🙂

  7. Post Scriptum

    Se le lauree vengono regalate E’ UN PROBLEMA VOSTRO perché perdono di credibilità e di valore.
    In Italia non ci sono mai stati tanti disoccupati laureati come adesso.
    Vuoi studiare e prendere una laurea che non vale niente nel mondo del lavoro? Continua a protestare. 😆

    Un abbraccio catartico* 🙂

    * e un po’ provocatorio 😉

  8. Ciao scusa l’off topic ma ti volevo chiedere se volevi partecipare ad una partnership (scambio link) per promuovere un mio progettino 😀
    Scrivimi una mail che ti spiego meglio di che si tratta!
    ciao

  9. Sinceramente non so che dire caro M@d, ma quello che so è che l’istruzione non appartiene ne’ a destra ne’ a sinistra, l’istruzione è di tutti. La cosa che mi fa davvero incazzare è che molti dicono che la scuola è meglio in mano alla sinistra e che la cultura è di sinistra… a me fa letteralmente girare le palle e no perché io sono un estremista di destra, ma perché ciò E’ UNA CAGATA IMMONDA!!! Io non sono di certo ignorante e tu sai benissimo quanto ho studiato. Ma al di là di questo, vorrei dire che qualunque fazione politica ha preso in mano la situazione Istruzione, ha dato sempre il peggio di sè!
    Comunque sia, ci sono troppi docenti nelle scuole, io sinceramente parlando M@d, non sono contrario al fattore “maestro unico”, io ho sempre detto che come ho fatto io la scuola elementare era molto meglio. Io non ho avuto tre maestre, ne avevo una più al massimo una di religione. Io sono dell’idea che ci sono troppi sprechi nell’istruzione e un pò di tagli non sarebbero male. Ma ripeto, questa è solo una mia idea, non me ne vogliate.

    RyuKen / ManMan

  10. Non ho seguito bene la vicenda perchè ero all’estero ma protestare contro questo esecutivo mi trova sempre e comunque d’accordo, a prescindere!?!?!? 😛

    In bocca al lupo!? 😉

  11. A parte la politica dei tagli, effettivamente ci sono un paio di buone intenzioni nella riforma…Ma i soldi alla ricerca NON SI DEVONO TAGLIARE per nessun motivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...